Fare il bagno ai nostri amici pelosi | Regole base per una sana e pulita convivenza

Fare il bagno ai nostri amici pelosi è un argomento molto discusso. I cani e i gatti sono a tutti gli effetti dei membri della famiglia, e vivono a stretto contatto con noi: camminano nel soggiorno, salgono sui divani, a volte dormono nei nostri letti. Quindi, è evidente, che per garantire a noi e ai nostri amici un ambiente salubre e senza odori sgradevoli è necessario rispettare le elementari norme di igiene.

Lavare bene un cane non ha solo lo scopo di renderlo più lucente e con un odore più gradevole; è fondamentale sapere che una buona toelettatura è un atto professionale che migliora il benessere dell’animale e la sua resistenza alle malattie della pelle.

La frequenza dei lavaggi

Non esiste una regola precisa sulla frequenza con cui lavare l’animale: naturalmente è buona norma lavare il cane ogni qualvolta sia sporco, al ritorno da un tuffo nel mare o dopo aver esplorato il terreno sotto alle automobili parcheggiate. Ma proprio come noi, che non ci laviamo soltanto quando siamo sporchi, il cane va lavato periodicamente, soprattutto se vive in città.

che alla sua altezza (che si tratti di alani o di bassotti) sono maggiormente concentrate. Pensate semplicemente a come diventa la vostra automobile soltanto qualche giorno dopo averla lavata. E tenete presente che lo smog si lega al pelo del cane molto più di quanto non faccia su una carrozzeria, e le polveri ne restano praticamente intrappolate.
Comunque è bene non esagerare per non privare il mantello e la cute della loro naturale resistenza alle malattie: come regola generale, è opportuno toelettare un cane all’incirca non più di una volta al mese.

 

Gli strumenti da utilizzare

Per lavare un cane o un gatto non bisogna usare i saponi per umani anche se per neonati! La pelle umana ha un pH 5,5 cioè leggermente acido, mentre il cane ha pH7, cioè neutro. Pertanto dovete utilizzare:

  • prodotti professionali che oltre a lavare via lo sporco normalizzino la produzione di sebo;
  • non intacchino la struttura lipidica della cute e del pelo, e rispettino il pH fisiologico della pelle.
  • prodotti certificati per animali  visto che in commercio esistono semplici saponi. Un prodotto sbagliato abbassa le difese naturali della pelle, aprendo la porta a batteri e funghi, oppure provoca dermatiti e prurito.

Per pulizie rapide fra un bagno e l’altro si possono usare shampoo a secco o salviette umidificate, purché siano prodotti indicati per animali. Dato il gran numero di razze e dei loro possibili incroci, i mantelli dei cani sono diversissimi fra loro, per il colore, la lunghezza, lo spessore, la struttura, la densità, il tipo di crescita, è molto importante non solo che vengano utilizzati prodotti specifici, ma anche strumenti e tecniche professionali che solo un buon toelettatore sa impiegare.

Ecco che quindi il toelettatore non è più semplicemente “una persona che lava il cane”, ma un professionista con una specifica preparazione che si prende cura dell’aspetto e del benessere dei nostri amici animali. Buona norma lavare il cane sin da cucciolo così che si abitui allo scroscio dell’acqua e ad essere manipolato.

Considerate che un solo vaccino non è sufficiente, è bene effettuare almeno un richiamo; quindi se non si può attendere il vaccino ma il cagnolino è molto sporco è preferibile lavarlo soltanto con shampoo a secco o salviettine, basta che siano specifiche per animali.

Se avete dubbi potete venirci a trovare presso la Neptunia Veterinaria sita in Nettuno in Via Rinascita oppure sulla nostra Pagina Facebook

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.